Giuseppe Dezza

[

Durante la Prima Guerra Mondiale, la Giuseppe Dezza era incaricata del disarmo delle mine nautiche. Nella Seconda Guerra Mondiale era stata poi trasformata in cacciatorpediniere e rinominata con il nome che le appartiene ancora oggi. Successivamente, i tedeschi l’hanno conquistata rinominandola TA 35. Nel 1945 è stata affondata, colpita da un missile torpedo. Il relitto si è aperto in due tronconi che oggi distano 100 m l’uno dall’altro. Tra i subacquei il relitto è conosciuto anche con il nome de “L’Insidioso”. Le immersioni si fanno generalmente sulla parte che si trova a prua. Qui è fissata una ben conservata arma antiaerea, coperta da spugne, muschio ed alghe, che mantiene tuttora la sua parvenza minacciosa. La vita marina circostante è costituita da granchi, john dory e scorfani.